Mio caro signore e amico

La ringrazio vivamente per il bel volume di Antichi Testi del cui dono Ella ha voluto onorarmi. Io che sto preparando una simile raccolta per l'italiano sono lieto di trovare in esso un modello che cercherò di seguire con ogni mio potere, sebbene certo di non raggiungerne i pregi. – Se una cosa lascia a desiderare il suo libro è che i testi vi fossero dati in maggior quantità: ma la scelta che ne fece, giustifica abbastanza il loro numero. – Nel prossimo fascicolo della Rivista ne renderò conto, e intanto mi auguro di vederne presto compita la seconda parte: allora gli studiosi troveranno in esso un manuale che si potrà con ogni vantaggio sostituire alle due crestomazie del Bartsch.

Gradisca, mio Signore, l'espressione sincera della mia gratitudine e della mia amicizia.
Ernesto Monaci

Info

Mittente: Ernesto Monaci
Destinatario: Paul Meyer
Data: 12 giugno 1874

Fonte: Lettera di Lettera di Ernesto Monaci a Paul Meyer del 12 giugno 1874. Fondo Monaci. Società Filologica Romana. Dipartimento di Studi Europei, Americani e Interculturali. Università Sapienza di Roma.

Trascrizione: Marco Veneziale
Codifica: Elisabetta De Vergori

Citare:

   Licenza Creative Commons Laboratorio Monaci 2017